È iniziato con il botto l’anno agonistico per gli atleti dell’Asd Tiger Eyes! Giada Plastino e Mariano Lai che rientrano dalla trasferta lombarda degli Insubria, con al collo la medaglia più prestigiosa: l’oro!!!


Veni, vidi, vici!!! 
Sono cresciute tanto le due tigri barbaricine! Merito del duro allenamento e della grande esperienza accumulata nei vari tatami degli stage e delle tante gare disputate l’anno scorso: gli Insubria 2019 (dove,alla loro prima esperienza della categoria superiore, non riescono a fare podio); I Lions Open (oro per entrambi); Interregionale Ligure; campionato regionale sardo (oro per entrambi e secondo posto per la società nella categoria cadetti); Grecia Salentina(altro oro); Campionati italiani rosse (bronzo per Mariano Lai).
Restava un neo, la conquista del PalaYamamay. Agguerriti più che mai e con tanta voglia di riscatto, partono per Busto Arsizio, stavolta cinti dalla cintura rossa. Oltre 1200 gli atleti partecipanti, più di 300 società e svariate nazioni, ma le due tigri sono determinate: entrambi, disputando dei bellissimi incontri, arrivano in finale, e dando il meglio di sé conquistano il gradino più alto del podio!

Grande soddisfazione per la società, i sostenitori e i genitori degli atleti, sempre disposti ad accompagnare gli atleti a fare esperienza di sport e di vita; perché se è importante il lavoro fatto in palestra, i sacrifici dei ragazzi, ancor di più lo è la disponibilità e l’attenzione delle famiglie, che a volte solcano mari e monti per consentire ai figli di mettersi alla prova.
E nuove prove sono sempre all’orizzonte, infatti ci si prepara per la trasferta marchigiana a fine mese, per la precisione ad Ancona, dove Francesco Garau, Mariano Lai e Giada Plastino si impegneranno per arricchire il loro medagliere.

A Marzo, la società sarà impegnata nel campionato regionale sardo, dove parteciperà con un bel gruppo dell’ampio vivaio, piccoli atleti alla loro prima esperienza ma forti dell’entusiasmo ricevuto dai compagni di squadra più blasonati.
Il Maestro Pierpaolo Garau non può che ritenersi soddisfatto, conscio di avere a disposizione atleti con tanta voglia di crescere e migliorarsi. Ad maiora semper!