Ha risposto in maniera positiva la comunità di Gavoi alla richiesta di adesioni per ospitare nelle proprie abitazioni un gruppo di giovani immigrati africani. Alloggiati presso il Centro di Accoglienza di Sarule e la Casa Asproni di Nuoro (gestita dalla Associazione di volontariato Migrantes) i ragazzi saranno cittadini gavoesi per un giorno.

Prenderà quindi forma sabato 29 il progetto MIGR-AZIONI, promosso dall’Associazione Culturale S’Isprone, in collaborazione con il Comune di Gavoi e le associazioni L’Isola delle Storie, Prociv-Arci e Laboratorio Sardegna di Dentro.

La giornata avrà inizio a partire dalle ore 10:00, in P.zza S. Gavino con i saluti dell’amministrazione comunale e delle famiglie ospitanti, per proseguire poi con una visita al centro storico del paese.

Dalle 11.30 in poi avverrà la “sfida” culinaria vera e propria: un confronto a suon di fornelli e creatività per impiattare le tradizioni di due continenti dove a risaltare sarà ancora una volta il gusto dell’ospitalità barbaricina.

A seguire, a partire dalle ore 18.00 presso la Piazza Sant’Antioco, prenderà forma un dibattito dove interverranno in qualità di relatori: Salvatore Lai (Laboratorio Sardegna di Dentro), Anna Corsi (Resp. Sportello Immigrazione Caritas Nuoro), Ilaria Buttu (Responsabile area amministrativa e rendicontazione SPRAR GUS – Sardegna), Francesca Tatti (Avvocato e Operatrice legale presso SPRAR GUS Villasimius), Rossella Pisanu (Casa Asproni – Associazione Migrantes), Mor (Ospite Casa Asproni – Nuoro), moderati da Roberto Mulas (Associazione Culturale S’Isprone) e con intermezzo musicale dei percussionisti della Guney Africa.

A concludere la serata il buffet libero con le pietanze africane, cucinate dai ragazzi ospitati presso le famiglie, e quelle immancabili sarde. Una giornata di festa, quindi, che si auspica essere solo la prima di una lunga serie per essere presenti e consapevoli riguardo una tematica di grande importanza e attualità.

Ass. Culturale S’Isprone