Gavoi 

EMERGENZA SICCITA’: lunedì previste chiusure notturne dalle 21 alle 6 a GAVOI

Comunicato stampa del 13 settembre 2017

EMERGENZA SICCITA’: RIDOTTI I LIVELLI

NEGLI INVASI DI OLAI E GOVOSSAI

Da lunedì previste chiusure notturne dalle 21 alle 6 a Nuoro,

Mamoiada, Orgosolo, Fonni, Gavoi, Sarule, Orani, Oniferi, Orotelli,

Bolotana e Silanus

Gli ultimi dati del Distretto Idrografico regionale segnalano, a causa del persistere della siccità, una drastica riduzione della quantità acqua presente negli invasi di Olai e Govossai che alimentano il potabilizzatore di Jann’e Ferru.

Soltanto nel mese di agosto si è registrata una diminuzione di oltre un milione di metri cubi portando i volumi utili disponibili per la potabilizzazione ad appena tre milioni e 440mila metri cubi che, senza nuove precipitazioni, garantirebbero risorsa idrica non oltre gennaio.

Per questo motivo è stato approntato un piano di emergenza che consenta di risparmiare risorsa con una riduzione delle portate erogate del 20 per cento e arrivare in sicurezza nel periodo, tra gennaio e febbraio, quando statisticamente si verificano le maggiori precipitazioni e quindi ci sono maggiori probabilità di captare nuovi apporti provenienti da eventi meteorici invernali.

A partire da lunedì saranno effettuate chiusure notturne dell’erogazione dalle 21 alle 6 nei Comuni di Nuoro (a esclusione del Monte Ortobene e dei presidi ospedalieri di San Francesco e Zonchello), Mamoiada, Orgosolo, Fonni, Gavoi, Sarule, Orani, Oniferi, Orotelli, Bolotana e Silanus.

Gli invasi di Olai e Govossai, che al massimo possono contenere meno di dieci milioni di metri cubi, non sono interconnessi con altri schemi acquedottistici e non possono ricevere soccorso da altri invasi. Abbanoa, però, ha già programmato interventi nelle due dighe che consentiranno di aumentare la capacità di accumulo di risorsa idrica.

A un primo programma da un milione di euro sul Govossai, si è aggiunto un finanziamento di 9,5milioni di euro che Abbanoa ha ottenuto nelle scorse settimane dal Ministero delle infrastrutture proprio per le due dighe del Nuorese.

Con i lavori programmati sarà possibile invasare maggiore risorsa nei periodi di piena (l’obiettivo è arrivare a oltre 18 milioni di metri cubi) e limitare che quella eccedente venga riversata verso l’invaso più a valle che è quello di Gusana.

Commenta l'articolo con FB

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi