Gentile Prof. Salvatore Lai, Candidato alla carica di Sindaco, cari compaesani tutti, pur nei ritmi serrati imposti dalla situazione, mi sembrava doveroso seppur a quest’ora tarda trovare un attimo di tempo per rispondere prontamente alla lettera aperta e alle richieste di diversi cittadini in ordine alla opportunità di effettuare i c.d. tamponi rapidi utilizzati ad Ollolai e a breve a Lodine.

Con riferimento alla gestione dell’emergenza, posso garantire in modo assoluto che non è stato perso neanche un minuto di tempo e che la soglia di attenzione è stata e rimane massima. Come indicato nelle precedenti comunicazioni istituzionali, l’Amministrazione è in costante e continuo contatto con la Prefettura di Nuoro, col Servizio di Igiene Pubblica, con la ASSL di Nuoro, competenti, istituzionalmente e professionalmente, nella gestione delle emergenze sanitarie e di igiene pubblica. A tali enti, pur nel rispetto dei rispettivi ruoli istituzionali, è stata formalmente sottoposta da parte nostra una pressante richiesta di ulteriore innalzamento del livello di attenzione e efficacia nell’intervento su Gavoi, con una urgente e massiva esecuzione di tamponi sulla popolazione, che possa contribuire ad una capillare individuazione della linea di contagio a contrasto della diffusione del virus nel paese. L’ultima lettera inviata alle istituzioni sanitarie citate risale a ieri.

Nelle quotidiane interlocuzioni col Servizio di Igiene Pubblica e con la ASSL di Nuoro, sono state già prospettate le soluzioni ora seguite dai comuni limitrofi. Le autorità sanitarie finora ritengono che, nella situazione data, il metodo di gestione dell’emergenza utilizzato per l’indagine epidemiologica a Gavoi, sia quello più corretto ed efficiente dal punto di vista scientifico.

A supporto di questa linea d’azione, infatti, dagli oltre 110 tamponi eseguiti a Gavoi fra sabato e domenica scorsi giungono dati che non indicano una forte impennata del contagio. Sulla totalità dei tamponi analizzati si rilevano 4 nuovi casi. Il servizio di Igiene Pubblica non esclude comunque, se dovesse mutare l’incidenza del contagio di adottare misure differenti e adeguate.

Colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta l’ASSL, il Servizio Igiene Pubblica e l’USCA per il pregevole impegno a favore della comunità. Rinnovo il consueto invito a mettere in atto tutti i comportamenti responsabili che possano aiutarci ad affrontare al meglio l’emergenza e la delicata situazione in cui viviamo.

Giovanni Cugusi – Sindaco di Gavoi