Taloro nella pioggia rimonta, vince e si salva matematicamente.

TALORO-ARBUS : 4 – 2 

Le reti: Sanyang (A), Caboni (A), Mele (T), Littarru (T) Pitta (T), Secchi (T)

Taloro: Tilocca, Ladu, Pitta, Secchi, Mastio, Pili L., Littarru, Camara, Falchi, Calaresu, Mele. a disposizione: Pili M. Isoni, Muredda, Delussu, Dettori L. Soru, Sedda, Lai, Bechere. Allenatore Marchi Romano

Arbus: Toro, Spina, Falciani, Recano, Muscas, Congiu, Scioni, Malandra, Atzori, Sa Vang, Carboni.

Arbitro S. Selva di Alghero (S. Siddi di Cagliari e G. Meloni di Carbonia) ore 16

Taloro colpito nell’orgoglio, reagisce e trascinato da Mele ribalta il risultato.

Arbus che nel primo tempo aveva costruito un vantaggio di due gol. Prima Sanyang e poi  Caboni, hanno gelato il già infreddolito pubblico del Maristiai, con due reti che lasciavano poco all’immaginazione, soprattutto ad una clamorosa rimonta. Ci ha pensato capitan Mele a dare la carica alla squadra, assieme a Littarru,  prima accorciano e poi portano le squadre in perfetta parità, primo tempo finisce 2-2.

Colpita nell’orgoglio la squadra di casa ha reagito vigorosamente, ribaltando il risultato. Nel secondo tempo la partita è completamente cambiata, con il Taloro padrone del campo (finalmente inzuppato dalla pioggia). Al 15′ st Pitta porta in vantaggio la squadra di casa, con una bellissima azione. Arbus che non si da per vinto e continua a giocare, impegnando i padroni di casa, sopratutto da fuori area, ma è ancora il Taloro a passare…al 30′ st arriva il 4-2 firmato da Secchi e, al 35′ st viene annullato un gol a Mele.

Vittoria meritata che ormai sancisce la salvezza matematica, (il Tonara fermo a 29 non può più raggiungere il Taloro a 42) della squadra di Gavoi. Buona reazione della squadra di Marchi, che trovandosi sotto di due gol ha subito recuperato ed ha ribaltato il risultato a proprio favore.

Domenica 17 marzo il Taloro è impegnato a Cagliari contro la Ferrini.

Ale Taloro Alè.