Lettera  aperta agli amministratori del Consorzio B.I.M. Taloro di Giorgio Lai.

Politiche locali, auto elettriche e installazione di colonnine pubbliche di ricarica.

In questi tempi si stanno preparando accordi per attrezzare oltre 28 mila punti di ricarica per auto elettriche che verranno attivati da Enel in Italia. Permettere anche al più piccolo dei comuni di essere collegato alla rete elettrica di ricarica, sarebbe una grande sfida e opportunità per contribuire al cambiamento del nostro Paese.

Vale la pena ricordare che è cresciuta una maggiore consapevolezza sui temi della sostenibilità ambientale di una mobilità a basso impatto. L’auto fra pochi anni potrà fare a meno dei combustibili fossili, l’auto elettrica si sta affermando in nome della riduzione dell’inquinamento e del surriscaldamento del pianeta.

E’ ora di intraprendere politiche per la riduzione della CO2 dal basso, tanto più se l’iniziativa tocca i temi ambientali tanto cari, e che sono il senso di stare dentro il consorzio. Serve agire in fretta con una ampia disponibilità dei comuni, perché il futuro della mobilità elettrica è già in atto e i nostri paesi possono promuoversi e conquistare un ruolo di primo piano nell’offerta di questo importante servizio pubblico aderendo all’iniziativa dell’Enel sulla installazione dei punti di ricarica in ogni comune del Bim.

Segnalato da Giorgio Lai